Descrizione Progetto

Questo cofanetto raccoglie i gioielli della Musica della Grande Scuola Napoletana per tastiera ad iniziare dal suo capostipite Carlo Gesualdo, Principe di Venosa, fino a Niccolò Piccinni, grande operista e riformatore dell’Opera Italiana.

Un percorso che tesse la storia dei Musicisti del Sud, che vedevano in Napoli la loro Grande Capitale Culturale, trampolino di lancio per spiccare il volo e varcare i confini Italici e portare la loro Musica in tutta Europa.
Spesso dimenticati, i musicisti contenuti in questo doppio CD evidenziano una grande vena  artistica e una spiccata e personalissima musicalità, che ancora oggi incanta l’ascoltatore attento; essi sono: Gesualdo da Venosa, Rocco Rodio, Antonio Valente, Giovanni Maria Trabaci, Giovanni Salvatore, Bernardo Storace e Niccolò Piccinni.

Un disco prezioso per l’arte compositiva e l’estro artistico degli autori, per l’originalità e la varietà dei brani, tutti autentici a cominciare dalle forme più antiche come la Salve Regina di Rodio, le fantasie di Rodio e Valente, le Canzoni Francesi di Gesualdo da Venosa, Giovanni Salvatore, Giovanni Maria Trabaci , i balli e le danze di Antonio Valente e Bernardo Storace, fino alle splendide “Tre Sonate e Una Toccata” di Niccolo’ Piccinni (unica opera dell’autore per Clavicembalo) edite a Parigi nel 1775 e che precedettero  di un anno il suo arrivo nella Capitale Francese.

La ricerca, l’analisi puntuale, l’esecuzione esemplare di Margherita Porfido sono il compendio di un prodotto discografico fondamentale per la comprensione della musica tra ‘500 e ‘700 del meridione d’Italia.

Artisti / MARGHERITA PORFIDO

Margherita Porfido (Altamura 1956) intraprende giovanissima gli studi musicali diplomandosi successivamente in pianoforte e clavicembalo. A partire dal 1983 si dedica completamente allo studio del clavicembalo soprattutto nella musica Rinascimentale-Barocca ed in quella contemporanea, prediligendo il repertorio solistico e di solista con orchestra. Suona in Italia e all’estero in importanti Festival di musica antica e contemporanea incuriosendo molti compositori che per lei hanno scritto nuove musiche per clavicembalo. È docente di pianoforte al Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari; fondatrice e direttrice artistica del Festival e Concorso Internazionale di clavincembalo WANDA LANDOWSKA.